Israel, the complex political and strategic debate on the Iranian threat*

A proposito di Iran, nucleare e Israele, su Resetdoc un mio articolo pubblicato in inglese lo scorso mese. Sotto ho inserito la traduzione italiana.

Tuesday, 12 February 2013

Israel, the complex political and strategic debate on the Iranian threat

Antonella Vicini

Iran is ready to become a nuclear power, but it will not use this power against Israel, said President Mahmoud Ahmadinejad from Cairo in an interview with Al-Ahram newspaper while waiting for the start of the conference of the Organisation of Islamic Cooperation. Ahmadinejad defined Iran as a “nuclear nation”, but only for defensive purposes. “They (the Israelis) want to attack Iran, but we are not preparing any attack against them, because the aim of our programme is defensive.”


These are statements that are reigniting the debate in Israel on the Iranian nuclear threat. It is a debate that is not letting up and has revealed various approaches by the Israeli leadership on the issue. According to Ely Karmon, an analyst, a geopolitical and anti-terrorism expert and Haaretz columnist, who came to Rome for a meeting on U.S.-Iran-Israel relations, the dispute at the heart of the Israeli political, military and intelligence establishment boils down to not so much if Israel will accept a nuclear Iran, as much as who will act should sanctions and diplomatic pressures fail? The United States? The international community, or just Israel? And “when and under what circumstance will an attack be decided upon?”
Karmon identifies three factors; a decision by Iran’s Supreme Guide to build nuclear weapons; an evaluation by Israeli intelligence that Iran has reached the so-called “zone of immunity”; consideration that the U.S. will not attack Iranian nuclear facilities.

These are possible scenarios indicating that Israeli action is not improbable. Why? Because Israel feels much less secure regardless of Iran’s real or potential military capacity, says Karmon. It is an insecurity that has been felt since 2006 during the war against Lebanon, and specifically against Hezbollah, and later against the Gaza Strip and including its most recent Operation Pillar of Clouds. To these one must add a changing local scenario which has caused Israel to lose privileged relations with some Arab countries, and nuclear proliferation that has not only involved Iran. Karmon refers to a possible alliance between Cairo and Tehran, the seeds of which have been sown these past few days, thanks to Ahmadinejad’s visit to Egypt that has broken a 34-year interruption in relations. In Israel, however, the positions on an attack are not so unanimous.

Netanyahu’s Red Line

Everyone can still remember the rather picturesque images of Prime Minister Netanyahu at the United Nations explaining that the Islamic Republic was about to cross the “Red Line.” Netanyahu has make Tehran’s nuclear issue a central point in his international agenda and, according to Karmon, “has been able to effectively press the bitterness of sanctions.” Karmon continued, “The facts testify to serious preparation by the Israeli leadership for a potential attack.”

Ehud Olmert accused Netanyahu of having spent “$3 billion on a war that has not taken place and will not happen.” In 2010 there was talk of an “alert P plus” that usually precedes an attack ordered by the prime minister and by the then Defence Minister Ehud Barak, but was opposed by General Ashkenazi, head of the Israeli Defence Force and Meir Dagan, head of Mossad. These facts emerged from an investigation by the Israeli press that was published at the end of last year. The intentions of the newly re-elected prime minister were repeated at the beginning of this year during the election campaign as he spoke of his cabinet’s commitment against the “Iranian threat.” He repeated it during a visit to Jerusalem in January by a delegation of United States senators, including John McCain, when he said “History will not forgive those who do no stop Iran’s nuclear program.”

The “immunity zone” and the moment of truth

Giving substance to the possibility that “Israel could defy the United States and attack Iran by itself,” said Karmon, was a speech by Barak in which he spoke of an “immunity zone” for the Iranian facilities, in which they are fortified and placed underground, thus making them immune to enemy air attack. According to part of the Israeli establishment, time is on the enemy’s side. In October of last year, the Israeli defence minister avoided an immediate crisis, putting off reaction time, defining the “moment of truth” as being between eight to ten months away, thus between June and August, coinciding with elections in Iran. A month later, on November 29, during a press conference at the Pentagon, he said, “you cannot build a strategy based on wishes or prayers. Sanctions are working […] but I don’t believe that these kinds of sanctions will bring the ayatollahs to a moment of truth, where they sit around a table.” According to Barak, Tehran must be “forced” to abandon its nuclear programme and “[an attack] should remain on the table and never be removed.”

Hawks and Doves

But if Netanyahu and Barak can be fully considered as hawks, President Shimon Peres has chosen the path of international diplomacy and, in his opinion, Israel cannot solve this problem by itself. According to Karmon, this internal conflict is one of the reasons why an attack against Iran’s nuclear sites has not yet taken place. The attack has also not taken place because having called the United States into question; one cannot disregard what Peres calls an “American pattern.”

“America knows how to throw a punch when it has to, in order to keep the world balanced. But the punches follow a set procedure. They don’t begin by shooting. They try all the other means first — economic sanctions, political pressure, negotiations, everything possible. But in the end, if none of this works, then President Obama will use military power against Iran. I am sure of it.” (NYTimes).

Even more cautiously, Dagan, the former head of Mossad, describes an even more complex reality, in which the alternative is not just “bomb or be bombed.” The strategy of containment, according to Dagan, cannot work for Iran (which is not the USSR during the Cold War) and the problem is not the progress made towards nuclear capability, which is slow and measured. The fundamental question is whether Israeli military action would accelerate Iranian plans, legitimize a response and, additionally, unite the people around the regime. Dagan’s question is, what would happen the day after?

This is a question that the former head of Shin Bet, Yuval Diskin, Netanyahu and Barak have not asked themselves since they “acted on messianic impulses and aroused public opinion to the Iranian threat.”

Translated by Francesca Simmons

traduzione italiana

Il complesso dibattito politico e strategico in Israele sulla minaccia iraniana*

L’Iran è pronta per il nucleare, ma non lo utilizzerà contro Israele. Parola del presidente Mahmoud Ahmadinejad che dal Cairo, in attesa della conferenza per la Organizzazione della cooperazione islamica, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano Al-Ahram in cui si definisce l’Iran un “Paese nucleare”, ma con soli scopi difensivi.

Loro (gli israeliani) vogliono attaccare l’Iran, ma noi non stiamo preparando alcun attacco contro di loro perché lo scopo del nostro programma è difensivo”.

Affermazioni che riaccendono il dibattito interno ad Israele sulla minaccia nucleare iraniana; un dibattito che non si placa e che mette in luce i diversi approcci della leadership israeliana sulla questione. Secondo Ely Karmon, analista e esperto di antiterrorismo e geopolitica,columnist per Haarezt, incontrato a Roma in occasione di un convegno sulle relazioni tra Usa- Iran- Israele,la disputa interna all’establishment politico, militare e dell’intelligence israeliano si riassume così: non tanto se Israele dovrà accettare un Iran nucleare quanto piuttosto chi dovrebbe agire se le sanzioni e le pressioni diplomatiche fallissero? Gli Stati Uniti, la comunità internazionale o Israele da solo? E ancora “quando e a quali condizioni decideranno l’attacco?”

Karmon definisce tre fattori: la decisione della guida suprema iraniana di costruire dispositivi militari atomici; le valutazione dell’intelligence israeliane secondo cui l’Iran sia giunta alla cosiddetta “zone of immunity”; la considerazione che gli Stati Uniti non attaccheranno le strutture nucleari iraniane.

Elementi possibili che rendono quindi un’azione iraniana non improbabile. Perché? Perché lo stato ebraico, spiega l’analista, si sente molto meno sicuro al di là della reale o potenziale capacità militare iraniana. Un’insicurezza percepita già dal 2006, durante la guerra contro il Libano e in particolare contro Hezbollah, e successivamente contro la Striscia di Gaza. Non ultima l’operazione Pillar of Clouds. A ciò vanno aggiunti un panorama locale in via di mutamento, che ha fatto perdere a Israele relazioni privilegiate con alcuni Paesi arabi, e una proliferazione atomica che non investe soltanto la Repubblica Islamica. Karmon fa riferimento anche alla possibile alleanza tra Il Cairo e Teheran, di cui sono stati gettati alcuni semi proprio in questi giorni, grazie alla visita di Ahmadinejad in Egitto che ha rotto una pausa durata trentaquattro anni.

In Israele, però, le posizioni su un attacco non sono così univoche.

La linea rossa di Netanyahu

Sono rimaste impresse le immagini, piuttosto pittoresche, del capo del governo israeliano alle Nazioni Unite mentre spiegava che la Repubblica Islamica sta per superare la “linea rossa”. Netanyahu ha fatto dell’atomo di Teheran un punto essenziale della sua agenda internazionale e come ricorda Karmon “è riuscito a premere sull’inasprimento delle sanzioni in modo efficace”. “I fatti – prosegue il professore – testimoniano una seria preparazione della leadership israeliana” in direzione di un potenziale attacco.

Netanyahu si è guadagnato anche le accuse di Ehud Olmert di aver spese “3 miliardi di dollari in una guerra che non ha né avrà luogo”. Già nel 2010 si parlò di un “alert P plus”, che di solito precede un attacco, ordinato dal primo ministro e dall’allora ministro della Difesa Ehud Barak, a cui si opposero il capo dell’Israeli Defense Force, il generale Ashkenazi, e il capo del Mossad, Meir Dagan. Così almeno emerge da un’inchiestadella stampa israeliana pubblicata alla fine dello scorso anno. Le intenzioni del primo ministro rieletto sono state ribadite a inizio anno, in piena campagna elettorale, ricordando l’impegno del suo gabinetto contro “il pericolo iraniano” e nel corso di una visita di una delegazione di senatori statunitensi, fra cui John McCain, a Gerusalemme, avvenuta a fine gennaio: “la storia non perdonerà chi permetterà il nucleare iraniano”.

La “zona d’immunità” e il momento della verità

A dar corpo alle riflessioni sul fatto che “Israele potrebbe sfidare gli Stati Uniti, attaccando l’Iran da solo”, ricorda ancora Karmon, interviene Barak parlando di una “zona d’immunità” per gli impianti iraniani, fortificati e posti sotto terra in modo tale da essere fuori dalla portata della potenza militare nemica. Il tempo, per una parte dell’establishment di Tel Aviv, gioca dalla parte avversaria. Nell’ottobre scorso, il ministro della Difesa israeliano ha scongiurato una crisi immediata, procrastinando i tempi di un’azione, definita il “momento della verità”, di otto-dieci mesi, quindi tra giugno e agosto, proprio in concomitanza con le elezioni in Iran. Soltanto il mese dopo, il 29 novembre, nel corso di una conferenza stampa congiunta al Pentagono  ha affermato che “non si può costruire una strategia basandola su desideri o preghiere. Le sanzioni stanno funzionando[…] ma non credo che porteranno gli ayatollah al momento della verità attorno a un tavolo”. Secondo Barak, Teheran ha bisogno di essere “costretto” ad abbandonare il suo programma nucleare e “l’attacco reale è un’opzione che dovrebbe rimanere sul tavolo”.

Falchi e colombe

Ma se Bibi e Barak possono a pieno titolo considerarsi dei falchi, il presidente Shimon Peres sceglie la via della diplomazia internazionale: Israele non può risolvere questo problema da solo. Secondo Ely Karmon è in questo contrasto interno una delle ragioni per cui non è stato ancora sferrato un attacco ai siti nucleari iraniani, anche perché avendo chiamato in causa gli Stati Uniti non si può prescindere da quello che lo stesso Peres definisce “american pattern”.

L’America sa come assestare un pugno, ma un pugno segue una procedura. Non s’inizia sparando, ci sono altri strumenti prima come le sanzioni economiche, le pressioni politiche, le negoziazioni, qualunque cosa possibile. Ma alla fine se nessuno fa il suo lavoro, sono sicuro che il presidente Obama userà la potenza militare contro l’Iran”.

Ancora più cauto, Meir Dagan, ex capo del Mossad che descrive una realtà molto più complessa, in cui l’alternativa non sia solo “bombardare o essere bombardati”. La strategia del contenimento, secondo Dagan, non può funzionare per l’Iran (che non è l’Urss ai tempi della Guerra Fredda), e il problema non è neanche i progressi fatti verso la capacità nucleare che sono lenti e commisurati; la questione di fondo è che un azione militare israeliana accelererebbe i piani iraniani, legittimerebbe una risposta e, inoltre, unirebbe la popolazione attorno al regime. La domanda di Dagan è: cosa succerebbe il giorno dopo?

Un quesito che stando all’ex capo dello Shin Bet, Yuval Diskin, Netanyahu e Barak non si sono posti, dal momento che “hanno agito su impulsi messianici e hanno fuorivia l’opinione pubblica sulla minaccia iraniana”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...